Translate

sabato 28 giugno 2014

LA CONSEGNA DELLA CITTADINANZA ONORARIA A LAMPEDUSA E LINOSA



Sabato 14 giugno, presso la Pinacoteca Comunale Sezione Antica, all'interno della Conversazione de "Il Ritorno degli Esuli": L’esule e il rifugiato politico nella storia e nell’attualità, si è svolta la Cerimonia solenne di consegna della cittadinanza onoraria di San Ginesio al Sindaco pro-tempore del Comune di Lampedusa e Linosa. A ricevere la benemerenza, in collegamento via skype, è
 il vicesindaco Damiano Massimiliano Sferlazzo.

-La benemerenza rappresenta un gesto di solidarietà della comunità sanginesina verso gli abitanti di Lampedusa e Linosa per la loro generosità, per la loro accoglienza, per essere usciti di casa a salvare vite umane, al di là della loro provenienza, del colore della pelle e del credo religioso; la stessa vuole essere anche un riconoscimento al coraggio, all’umanità, all’orgoglio ed alla tenacia del Sindaco di quel comune. Tutto il mondo ormai conosce lo spirito di fratellanza e la solidarietà dei lampedusani. La popolazione dell’isola siciliana negli ultimi anni si è distinta per l’impegno, l’umanità e la coerenza con le quali ha saputo accogliere gli immigrati in arrivo sulle cosiddette "carrette del mare" o con altri mezzi di fortuna. Lampedusa è candidata ufficialmente al premio Nobel per la Pace del 2014. La candidatura nasce come scelta volontaria da parte di tutti quegli italiani che, firmando una petizione da inviare ad Oslo, hanno voluto tenere vivo nella memoria di tutti uno dei fatti più tragici che hanno colpito la nostra terra. Molti i personaggi pubblici che hanno preso a cuore la vicenda di un popolo che sfugge dalla miseria, dalla guerra e quella di un popolo pronto ad accogliere a braccia aperte il "vicino". Si, perché oltre ad un popolo che scappa, bisogna non dimenticare l’accoglienza del popolo di Lampedusa, terra considerata dall’ex- Presidente del Consiglio Enrico Letta come "il cuore del nostro continente".